Roma, detenuti aprono una panetteria e la chiamano “Fine Pane Mai”

Roma, detenuti aprono una panetteria e la chiamano “Fine Pane Mai”

Roma, detenuti aprono una panetteria e la chiamano “Fine Pane Mai”

8 detenuti del carcere di Rebibbia, rinchiusi per reati di rapina, droga e spaccio, hanno ottenuto un nuovo lavoro. I detenuti si svegliano ogni mattina alle 6 e fanno turni dove preparano il pane e imbustano le porzioni. La bottega si trova lungo via Bartolomeo Longo, a pochi passi dall’istituto di detenzione. Questa la ricostruzione storica del Messaggero:

“Il laboratorio è stato inaugurato il 20 aprile scorso, grazie all’impegno di varie associazioni del territorio che hanno collaborato con le istituzioni e con panifici privati (tra cui anche quelli di Lariano). Tutto è nato nel 2014, quando grazie ai fondi della Regione Lazio sono stati attivati corsi di formazione per i detenuti. Sono stati oltre 20, quelli di Rebibbia, che alla fine hanno ottenuto la qualifica. A scommettere sul progetto è stato invece Valentino, proprietario di un panificio di Lariano, che ha rilevato la bottega alla fine del corso di formazione, dando vita al punto vendita. Una parte del carcere, così, proprio lungo le mura di recinzione, è stata trasformata in laboratorio su due piani, per una grandezza complessiva di oltre 225 metri quadrati, compresi di giardino e punto vendita.”

Ma come hanno reagito le persone alla notizia?

La reazione del pubblico nelle prime settimane è stata positiva. «C’è stata un’ottima risposta sia da parte del territorio limitrofo che per l’interesse di tutti i dipendenti che lavorano nel plesso di Rebibbia, sia maschile che femminile. Parlo di medici, esperti, psicologi, agenti di polizia penitenziaria, che grazie al passaparola sono venuti in bottega», racconta Suor Primetta. Futuro? Prima di tutto mettere a sistema quest’esperienza. E poi, magari, allargarla anche al lato femminile. Coinvolgendo un paio di ragazze, (in semi-libertà) che possano aiutare con la distribuzione. Ribadendo un concetto semplice: «Tutti hanno il diritto di riprendersi la propria vita».

Commenti Facebook

RELATED ARTICLES

Jasper e la scala mobile: la storia della stella di Instagram

Jasper e la scala mobile: la storia della stella di Instagram

Instagram e i social network in generale sono un luogo in cui si possono incrociare

READ MORE
Ambrose Evans-Pritchard: ‘La crisi bancaria italiana è frutto delle politiche della Ue’

Ambrose Evans-Pritchard: ‘La crisi bancaria italiana è frutto delle politiche della Ue’

L’ultima ondata dell’infinita crisi bancaria italiana ci è costata ben 17 miliardi. Miliardi che il

READ MORE
Elio Lannutti: ‘L’Agenzia delle Entrate risorge dalle ceneri di Equitalia, ancor più vessatoria ed invasiva’

Elio Lannutti: ‘L’Agenzia delle Entrate risorge dalle ceneri di Equitalia, ancor più vessatoria ed invasiva’

Riportiamo di seguito la denuncia di Elio Lannutti, presidente dell’associazione di tutela dei consumatori Adusbef:

READ MORE
Donatori di sangue, l’Italia che va

Donatori di sangue, l’Italia che va

Batte forte il cuore dei donatori di sangue italiani. Dopo l’allarme lanciato questo mese in

READ MORE