Treno deragliato, per esperto probabile problema a infrastruttura

Treno deragliato, per esperto probabile problema a infrastruttura

Treno deragliato, per esperto probabile problema a infrastruttura

Per conoscere la causa precisa che ha provocato l’incidente avvenuto ieri sul treno tra Cremona e Milano serviranno alcuni mesi, ma questo evento non va preso come un campanello d’allarme sullo stato generale del sistema ferrioviario. “La rete ferroviaria italiana è sicura” e può vantare un tasso di incidenti che è del 36% inferiore rispetto alla media europea e del 7% in meno di quella tedesca. A precisarlo è il rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta.

“Abbiamo 0,27 incidenti per 1 milione di chilometri percorsi – sottolinea – cioè il 36% in meno della media europea e il 7% in meno della Germania. Sono dati che misurano la sicurezza della rete e i fortissimi investimenti fatti a questo scopo”. Oggi, grazie agli interventi compiuti con l’installazione di sistemi di controllo automatici per la frenatura“sono stati eliminati gli incidenti per collisione e velocità, che erano invece le cause più frequenti 20 anni fa – continua -. Inoltre sono stati fatti anche investimenti sui treni diagnostici, che circolano su tutta la rete per verificare lo stato dei binari, e gli standard di manutenzione, che sono quelli europei, sono gli stessi per tutte le regioni e tutte le reti ferroviarie”.

Intanto per sapere la causa precisa del deragliamento, secondo il rettore, bisognerà aspettare “qualche mese, perchè prima andranno completate le indagini di Polizia ferroviaria e consulenti e le analisi tecniche”. La causa vera sarà possibile saperla infatti “una volta capita la dinamica dello svio. A quel punto – continua – si potranno fare le analisi metallografiche, cioè le radiografie che permettono di capire il tipo di frattura e le cause”. Ci vorranno quindi “alcuni mesi. Si tratta più di tempi giudiziari che tecnici.

La Polfer e gli investigatori devono identificare dove sono finite tutte le parti dei veicoli coinvolti, e fare l’analisi dei mezzi – aggiunge -. Terminata questa fase, si potranno determinare le responsabilità“, se umane o strutturali. Circa le possibili cause, “se la velocità può essere esclusa – prosegue – la certezza che abbiamo è che quel giunto ha subito un forte danneggiamento, e che sia stato poi la causa dello svio non si può escludere”. La rottura può avere alla base diversi fattori: “il metallo può non essere stato ben fabbricato, o può essere stato installato male o soggetto ad una cattiva manutenzione. O è anche possibile che i controlli non siano stati eseguiti o non fatti correttamente. Oggi – conclude – per quello che sappiamo, l’infrastruttura è un elemento da indagare con attenzione”. Ansa

Commenti Facebook

RELATED ARTICLES

Italiani scomparsi in Messico, 33 poliziotti sotto inchiesta

Italiani scomparsi in Messico, 33 poliziotti sotto inchiesta

Il procuratore dello Stato di Jalisco, Raul Sanchez, ha annunciato, in una conferenza stampa, che 33 membri

READ MORE
Mattarella nomina 29 ragazzi Alfieri della Repubblica: il più piccolo ha 10 anni. C’è anche bimbo scampato al sisma di Ischia
Tavolo per Roma, Calenda: “Finisce qui. Arroganza e incompetenza della sindaca”. Raggi: “Bluff pre-elettorale, presa in giro”

Tavolo per Roma, Calenda: “Finisce qui. Arroganza e incompetenza della sindaca”. Raggi: “Bluff pre-elettorale, presa in giro”

L’obiettivo del tavolo era riversare sulla Capitale investimenti per 3 miliardi di euro, divenuti 2

READ MORE
Adesso Gentiloni fa il Renzi: nuova campagna da premier

Adesso Gentiloni fa il Renzi: nuova campagna da premier

Sergio Mattarella gli predicava prudenza, ma Paolo Gentiloni ha preso una strada diversa: si candida

READ MORE