Detrazioni fiscali per l'acquisto dei montacarichi

Detrazioni fiscali per l'acquisto dei montacarichi

Luglio 5, 2017 Off Di ZenzCom

Tutti gli anni si rinnova ormai da tempo la possibilità di effettuare ristrutturazioni edilizie e di acquistare mobili usufruendo di particolari detrazioni che sono tanto interessanti da incentivare la spesa. Oggi analizziamo la guida aggiornata alle detrazioni in modo da comprendere cos’è cambiato e cosa, invece, è rimasto come sempre proprio in seguito alla pubblicazione della guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali” da parte della Agenzia delle Entrate.

imgLa detrazione fiscale riguarda sostanzialmente le specifiche che riguardano gli interventi di ristrutturazione edilizia ed è stata resa permanente dal decreto legge n. 201/2011: in sostanza determina gli oneri detraibili dall’Irpef per una cifra che è pari al 36% delle spese sostenute.

Le spese possono raggiungere un ammontare complessivo che non deve essere superiore a 48.000 euro per ogni unità immobiliare: il decreto legge n. 83/2012 eleva la detrazione al 50% e a 96.000 euro l’importo massimo. La proroga dei benefici è avvenuta più volte fino anche all’ultima legge di stabilità (legge n. 208 del 28 dicembre 2015) dove si specificava che la detrazione del 50% veniva prorogata fino al 31 dicembre 2016 e ogni unità immobiliare poteva avere un tetto di spesa di 96.000 euro. 

Solo dal 1° gennaio 2017 la detrazione è tornata quella iniziale, ossia 36% e con il limite di 48.000 euro per ogni unità immobiliare. Proroghe anche per quanto riguarda i lavori per eliminare le barriere architettoniche che usufruiscono della detrazione del 50%: questo è il momento giusto per provvedere all’installazione di montacarichi.