Il centrodestra italiano si riunisce in Sicilia per trovare un accordo in vista delle elezioni

Il centrodestra italiano si riunisce in Sicilia per trovare un accordo in vista delle elezioni

Il centrodestra italiano si riunisce in Sicilia per trovare un accordo in vista delle elezioni

E’ la Sicilia lo snodo cruciale per il centrodestra italiano che si avvia ad affrontare la prossima campagna elettorale. Inizia infatti a Catania la lunga partita che porterebbe Berlusconi, Salvini e Giorgia Meloni a raggiungere quell’accordo in grado di riunire le rispettive forze politiche in un’unica coalizione. Lo hanno definito “patto dell’arancino”, visto che l’incontro è avvenuto a cena in un locale del capoluogo siciliano di fronte alle specialità gastronomiche del posto. L’occasione è stata quella delle elezioni regionali, in programma Domenica e in cui i tre leader di centrodestra sosterranno il candidato governatore Nello Musumeci. Un primo appuntamento già molto importante, visto che in Sicilia la lotta sembra essere serrata ma circoscritta a Movimento cinque stelle e centrodestra appunto. Uno slancio che porterà alle elezioni politiche previste per la prossima Primavera, in cui il centrodestra potrebbe ambire ad un ruolo da protagonista se riuscisse a formare una sola coalizione formata da tre pezzi da novanta come Berlusconi, Salvini e Meloni.

Ecco le parole dei protagonisti dell’incontro

E’ ancora presto per dire che abbiamo chiuso l’accordo sul programma di Governo– ha dichiarato una soddisfatta Giorgia Meloni-. Quello che vogliamo costruire è un progetto serio e concreto che non si esaurisce in una cena alle 11 di sera. Non abbiamo parlato di premiership e di nomi, ma di obiettivi da darci”.

“E’ andata bene, anzi benissimo- fa eco Silvio Berlusconi-. Ma è sempre stato così quando ci siamo incontrati. Sono stati i giornali a inventare lontananze che non ci sono mai state. Ci sentiamo per telefono e quando ci incontriamo stiamo molto bene insieme”.
Più cauto è apparso invece il leader della Lega Matteo Salvini:”L’unica cosa che mi interessa è che Musumeci diventi governatore della Sicilia. Con Berlusconi non ci vedevamo da un anno. Per gli accordi ci sarà tempo, torneremo a vederci dopo le regionali siciliane”.
E’ ancora lunga dunque la strada che porta alle elezioni politiche, ma il centrodestra vuole preparare la propria strategia partendo dalla Sicilia per arrivare fino a Roma.

Commenti Facebook

RELATED ARTICLES

Manovra verso bocciatura Ue entro fine mese. Conte: dialogo ma non la cambieremo

Manovra verso bocciatura Ue entro fine mese. Conte: dialogo ma non la cambieremo

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE BRUXELLES – La Commissione europea sta analizzando con attenzione il bilancio programmatico

READ MORE
Verdi: immigrati, Europa, lavoro e ambiente. Ecco il programma vincente

Verdi: immigrati, Europa, lavoro e ambiente. Ecco il programma vincente

Le elezioni in Baviera sono la conferma che il voto ecologista torna ad essere attraente

READ MORE
Macedonia: ministro Ademi, referendum occasione per Ue

Macedonia: ministro Ademi, referendum occasione per Ue

“Il referendum sarà un successo perché la Macedonia non ha alternativa all’adesione alla Nato e

READ MORE
Erdogan in emergenza, a Berlino per riavvicinarsi a Ue

Erdogan in emergenza, a Berlino per riavvicinarsi a Ue

Fra proteste e polemiche, la città blindata come per Obama Il tentativo di Recep Tayyip

READ MORE