Erdogan in emergenza, a Berlino per riavvicinarsi a Ue

Erdogan in emergenza, a Berlino per riavvicinarsi a Ue

Erdogan in emergenza, a Berlino per riavvicinarsi a Ue

Fra proteste e polemiche, la città blindata come per Obama

Il tentativo di Recep Tayyip Erdogan di riavvicinarsi all’Europa parte dalla missione iniziata oggi a Berlino. Dove il presidente turco è arrivato in tempo, per catapultarsi davanti a un televisore, al Grand Hotel Adlon, e assistere all’assegnazione degli Europei di calcio 2024 alla Germania. La sconfitta di Ankara, che sperava di aggiudicarsi l’importante campionato, arriva proprio alla vigilia degli incontri istituzionali di domani, quando il controverso leader turco vedrà presidente e cancelliera. E certamente avrà guastato l’umore del sultano. “Siamo tenuti a portare avanti le nostre relazioni in modo orientato alla ragionevolezza, in nome dei nostri reciproci interessi”, ha scritto in un intervento sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung.

“Questa visita non è un’espressione di normalizzazione. Siamo molto lontani da questo. Però potrebbe essere un inizio”, ha scandito dal canto suo Frank Walter Steinmeier, intervenendo nel mare di polemiche sollevate dal questo difficilissimo partner, che sarà accolto con gli onori militari domani a Bellevue, pranzerà con Angela Merkel, e in serata avrà un banchetto di Stato nella residenza presidenziale. Sabato è prevista inoltre l’inaugurazione di una moschea a Colonia. In questi giorni, a diversi livelli, è stato comunque chiarito che la Germania ha tutto l’interesse a migliorare le relazioni con la Turchia. E i timori per una destabilizzazione finanziaria e politica del Paese spingono il governo tedesco a tendere la mano e offrire il proprio contributo a una soluzione della crisi monetaria.

Pensando alla popolosa comunità turca presente in Germania, ha ribadito anche ieri Steffen Seibert, è chiaro che c’è ogni interesse a che le relazioni si ricompongano. E questo anche con chi ha accusato i politici tedeschi di “metodi nazisti”, senza mai chiedere scusa. La tensione sulla visita è percepibile a partire dalle strade della capitale: traffico disorientato, la circolazione completamente modificata, in una Berlino blindata, dove è scattato il livello di allerta 1, come accaduto solo per Barack Obama e il premier israeliano in passato. E sono 4200 gli agenti in servizio, per assicurare che tutto proceda senza incidenti, fra le diverse manifestazioni annunciate in questi giorni. Il dissenso arriva anche da molti esponenti politici: diverse disdette per protesta al banchetto di Stato di domani, dove Merkel invece non sarà presente per ragioni protocollari, mentre c’è chi, come il verde di origine turca Cem Oezdemir, si presenterà a Bellevue proprio “per dimostrare ad Erdogan che l’opposizione in Germania fa parte della vita politica del paese”. La visita ufficiale al via domani potrebbe anche riservare delle sorprese: alla conferenza stampa con Merkel ha annunciato di voler fare una domanda sui giornalisti in carcere anche Can Dundar, ex direttore di Cumhuriyet. Vuole chiedergli perché li considera terroristi.

www.ansa.it

Commenti Facebook

RELATED ARTICLES

Antibiotici nei fiumi del mondo 300 volte oltre i limiti

Antibiotici nei fiumi del mondo 300 volte oltre i limiti

Ricerca in 72 paesi, trovati nel 65% dei siti monitorati Cresce l’emergenza inquinamento da antibiotici

READ MORE
Il puma in California rischia l’estinzione, è allarme rosso

Il puma in California rischia l’estinzione, è allarme rosso

Entro 50 anni, ma può salvarsi rendendo gli habitat più collegati È allarme rosso per

READ MORE
Immigrazione: Di Maio, Francia neocolonialista su Africa

Immigrazione: Di Maio, Francia neocolonialista su Africa

Non bisogna parlare solo degli effetti dell’immigrazione. E’ troppo semplice. La Francia per 14 paesi

READ MORE
Arte: in museo Budapest quadri e opere su grande touchscreen

Arte: in museo Budapest quadri e opere su grande touchscreen

Un grande schermo touchscreen di 15 metri di larghezza, secondo i media locali il più

READ MORE