Ungheria, in 10mila in piazza contro Orbán. Il governo: li paga Soros

Ungheria, in 10mila in piazza contro Orbán. Il governo: li paga Soros

Ungheria, in 10mila in piazza contro Orbán. Il governo: li paga Soros

Si riaccende la protesta contro Orbán. Almeno 10mila persone sono scese in piazza a Budapest, il 5 gennaio, per manifestare contro la cosiddetta «legge schiavitù» approvata dal governo a dicembre (incremento degli straordinari fino a 400 ore l’anno) e le sterzate autoritarie dell’esecutivo di Orbán. Nel mirino c’è anche una riforma del sistema giudiziario che mina l’indipendenza della magistratura, portando i giudici della corte suprema sotto la supervisione del governo. Il presidente della Federazione sindacale unitaria ungherese,
Laszlo Kordas, ha annunciato che le parti sociali presenteranno al governo un pacchetto di richieste che include salari più alti e un sistema di pensionamento più flessibile.

Se il governo rifiuterà il dialogo, ha detto Kordas, sarà indetto uno sciopero generale il 19 gennaio. La mobilitazione ha coinvolto anche i parlamentari delle forze di opposizione. «Il governo Orban ha tradito il suo popolo, i lavoratori. Ed è così venuto il tempo della rivolta», ha dichiarato Ferenc
Gyurcsany, presidente del Partito democratico. L’esecutivo, per ora, non mostra segni di apertura. Il portavoce Istvan Hollik ha dichiarato che la mobilitazione sarebbe «foraggiata da George Soros», il filantropo di origine ungherese finito nel mirino di tutte le sigle populiste europee.

www.ilsole24ore.com

Commenti Facebook

RELATED ARTICLES

Di Maio: «Dal taglio degli stipendi dei parlamentari al salario minimo, la Lega è con noi?»

Di Maio: «Dal taglio degli stipendi dei parlamentari al salario minimo, la Lega è con noi?»

«Il 4 marzo 2018 è una data importante perché i cittadini che rappresentiamo ci hanno

READ MORE
Di Maio: ‘Quel che è accaduto in Umbria, con un altro scandalo a firma Pd, è inaccettabile in un Paese civile!’

Di Maio: ‘Quel che è accaduto in Umbria, con un altro scandalo a firma Pd, è inaccettabile in un Paese civile!’

“Io quando vado in ospedale voglio essere sicuro che ad accogliermi ci sia un professionista,

READ MORE
Di Maio: «L’immunità penale all’ILVA non esiste più»

Di Maio: «L’immunità penale all’ILVA non esiste più»

«Nei prossimi mesi a Taranto faremo tante cose, ma la più importante l’abbiamo fatta oggi:

READ MORE
Conte: «In caso di conflitto armato, la Libia diventerebbe un Paese di partenza delle migrazioni»

Conte: «In caso di conflitto armato, la Libia diventerebbe un Paese di partenza delle migrazioni»

“C’è il serio rischio che si sviluppi una crisi umanitaria, che finirebbe per sfinire una

READ MORE