Carie non ‘ereditarie’, legate a fattori come igiene, dieta

Carie non ‘ereditarie’, legate a fattori come igiene, dieta

Carie non ‘ereditarie’, legate a fattori come igiene, dieta
Studio sfata idea che vi sia una predisposizione genetica
Le carie non sono una condanna scritta nel Dna, vale a dire che alla base non c’è una componente ereditaria. Al contrario sono una malattia che dipende principalmente da fattori ambientali (igiene dentale, alimentazione, esposizione al fluoro etc).
A gettare dubbi sull’idea che le carie dipendano da una predisposizione genetica è una ricerca pubblicata sulla rivista Pediatrics e condotta da Mihiri Silva del Dipartimento di Pediatria della Melbourne Medical School in Australia.
I ricercatori australiani hanno coinvolto 250 coppie di gemelli ancora prima della loro nascita. Hanno raccolto dati demografici e relativi alla loro salute a cominciare dal periodo gestazionale e poi periodicamente più volte dopo la nascita dei bimbi. A 6 anni compiuti le 172 coppie di gemelli ancora partecipanti allo studio sono state sottoposte a una visita odontoiatrica.(ANSA).

Leggi tutto

Commenti Facebook

RELATED ARTICLES

Agenzia del farmaco, limiti alla prescrizione della vitamina D validi solo per gli adulti

Agenzia del farmaco, limiti alla prescrizione della vitamina D validi solo per gli adulti

Dopo la polemica per il cambio delle condizioni di prescrivibilità La Nota 96 “ha modificato

READ MORE
‘È il momento’, Gabry Little hero inizia percorso trapianto

‘È il momento’, Gabry Little hero inizia percorso trapianto

Annuncio del papà.Piccolo affetto da malattia genetica rarissima È il momento giusto, il momento in

READ MORE
Il disegnatore di Paperino firma card per donare gli organi

Il disegnatore di Paperino firma card per donare gli organi

Giorgio Cavazzano aderisce a campagna del ministero della Salute Tra i 6 milioni e mezzo

READ MORE
Antibiotici nei fiumi del mondo 300 volte oltre i limiti

Antibiotici nei fiumi del mondo 300 volte oltre i limiti

Ricerca in 72 paesi, trovati nel 65% dei siti monitorati Cresce l’emergenza inquinamento da antibiotici

READ MORE