Conte: «In caso di conflitto armato, la Libia diventerebbe un Paese di partenza delle migrazioni»

Conte: «In caso di conflitto armato, la Libia diventerebbe un Paese di partenza delle migrazioni»

Maggio 6, 2019 Off Di Redazione

“C’è il serio rischio che si sviluppi una crisi umanitaria, che finirebbe per sfinire una popolazione già provata da otto anni di instabilità. In caso di conflitto armato, potrebbero interrompersi le rotte libiche interne di migranti provenienti da altri Paesi, in particolare dell’Africa subsahariana. Ma da Paese perlopiù di transito, la Libia diventerebbe un Paese di partenza delle migrazioni. Questo metterebbe a dura prova un sistema di accoglienza che non funziona ancora a livello europeo”.
Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in un’intervista rilasciata al Fatto Quotidiano.
“Tutte le nostre unità” ha assicurato il premier “sono impegnate a promuovere la stabilità del Paese svolgendo un ruolo chiave apprezzato universalmente. Ma siamo pronti a intervenire per tutelare la sicurezza”.
Conte: «In caso di conflitto armato, la Libia diventerebbe un Paese di partenza delle migrazioni»