Uno dei danni collaterali della polemica Di Matteo-Bonafede, oltre al festoso banchettare dei peggiori avvoltoi, è che oscura il vero motivo delle scarcerazioni di boss mafiosi e delinquenti comuni col pretesto dell’emergenza Covid».

Così il direttore del Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, nel suo editoriale di oggi.

«E cioè» – spiega il giornalista – «l’orientamento di un bel gruppo di giudici di sorveglianza che passano per “garantisti”, ma in realtà sono semplici “decarceratori”».

Travaglio fa notare che infatti «in questo Paese a corto di senso dello Stato, è molto diffusa, anche nella magistratura (e non solo nelle correnti di sinistra), l’allergia al carcere».

Dopo aver elencato tutti i clamorosi casi più recenti, Travaglio conclude: «il polverone Di Matteo-Bonafede sta coprendo tutto questo. E tutti gli altri decarceratori seriali pronti a riprovarci».

leggi tutto

Di Redazione

La Redazione di Euronotizie.com è sempre alla ricerca di notizie che corrono in rete! Scegliamo le notizie che crediamo meritino l'interesse dei nostri lettori.